Riordino Province, il Governo ha deciso

Roma – Approvato, questa mattina, 31 Ottobre, a Roma, a Palazzo Chigi, il Decreto Legge sul riordino delle Province, nell’ottica della spending review; ne rimarranno soltanto 51, comprese le città metropolitane. Tra quelle, che scompariranno, così come previsto dalla governance, anche la Provincia di Matera. L’annuncio ufficiale è arrivato, stamani, a margine della riunione dell’Esecutivo Nazionale, per bocca del Ministro della Funzione Pubblica, Fillippo Patroni Griffi. “La riforma delle Province – ha detto – sarà attiva a partire dal 2014. A novembre del 2013, invece, si terranno le elezioni per decidere i nuovi vertici. Il Governo – ha spiegato in seguito il Ministro – si è mosso tra spinte opposte: alcune indirizzate al mantenimento dello status quo e altre alla cancellazione totale. Per le Regioni a Statuto Speciale – ha continuato Patroni Griffi – c’è ancora tempo per decidere: 6 mesi in più”. Per assicurare l’effettività del riordino delle Province “senza necessità di ulteriori interventi legislativi, il Governo ha delineato una procedura con tempi cadenzati ed adempimenti preparatori, garantiti dall’eventuale intervento sostitutivo di commissari ad acta”. Per il Capogruppo Regionale Lucano della Pdl, il Consigliere Nicola Pagliuca, questo è un altro duro colpo al popolo lucano; “il trattamento riservato alla Provincia di Matera diverso rispetto a quello seguito per altre Province, come ad esempio La Spezia – ha detto – dimostra ancora una volta la debolezza del Governo regionale”. “Cancellare per sempre la nostra Provincia – hanno detto invece Stella, Adduce e Santarsiero, rispettivamente, Presidente della Provincia di Matera, Sindaco della città dei Sassi e primo cittadino di Potenza – significa sottrarre a Matera e a tutti gli altri 30 Comuni che ne fanno parte, funzioni e servizi di vitale importanza per il nostro territorio, e per i nostri concittadini”. Sempre questi ultimi tre esponenti politici lucani hanno annunciato per sabato 10 novembre o domenica 11, alle ore 9.00, una manifestazione che vedrà tutti i rappresentanti istituzionali del territorio riuniti sotto il Palazzo della Provincia di Matera con i gonfaloni “in segno di riconoscimento al valore e al ruolo ricoperti da 85 anni da un presidio istituzionale fondamentale per le 31 comunità.