Il F.C. Matera in campo per il turno infrasettimanale

Il gol di Genchi contro il Casarano

Il gol di Genchi contro il Casarano

Matera – A distanza di soli tre giorni e dopo l’esaltante vittoria esterna contro il Casarano, torna in campo il F.C. Matera per il primo dei quattro turni infrasettimanali previsti dal calendario del Girone H dopo il reinserimento della società Ars et Labor Grottaglie a pochi giorni dall’inizio della stagione. Al XXI settembre “Franco Salerno”, gli uomini di Giusto ospitano la neopromossa Casertana Calcio, società dagli importanti trascorsi calcistici che ha raccolto un’importante eredità, ovvero quella della storica Casertana, in serie B nella stagione ’91-92 e con alle spalle numerosi campionati di serie C. Dunque altra sfida dalle grandi emozioni con  i materani che vengono dall’ottima affermazione di domenica e sono alla ricerca del primo acuto interno stagionale. Il morale dei biancazzurri è chiaramente al top così come la condizione fisica: da valutare soltanto lo stato di Genchi dopo il doppio pestone al collo del piede sinistro ricevuto a Casarano che comunque non gli ha impedito di siglare la rete decisiva e che pertanto lascia intuire un suo utilizzo sin dal primo minuto. La formazione campana, tra cui figurano gli ex biancazzurri Olcese e Torrens, si presenta nella città dei Sassi al gran completo, con un reparto difensivo apparso in ottima forma domenica scorsa così come la linea mediana, nonostante l’assenza dello squalificato Bencardino, che torna ovviamente disponibile. Gli uomini di Giusto sanno di trovarsi di fronte ad un undici allestito per ben figurare in campionato ma sono consapevoli anche del proprio potenziale soprattutto offensivo. Decisivo domenica inoltre il rientro di Mazzoleni in grado di dettare i tempi ed i ritmi di gioco in maniera esemplare nell’arco dell’intera durata del match. La gara tra FC Matera e Casertana in programma domani allo stadio XXI Settembre “Franco Salerno” con fischio d’inizio alle 15, sarà diretta da Diego Roca della sezione di Foggia assistito da Emanuele Prenna di Molfetta e Salvatore Stasi di Barletta.