DL Nordio, il Senato avalla la riforma con un’ampia maggioranza

In un voto caratterizzato da un’ampia maggioranza, il Senato ha dato il proprio assenso al Decreto Legge Nordio, segnando un passo significativo nella riforma penale promossa dal Governo Meloni

Il senatore Gianni Rosa di Fratelli d’Italia ha evidenziato l’importanza di questo provvedimento, che rispecchia l’impegno del governo verso i principi del garantismo giuridico.

Gianni Rosa ha sottolineato l’importanza del DL Nordio come primo elemento concreto della riforma penale voluta dal Governo Meloni, evidenziando come questo rifletta l’adempimento di una promessa elettorale. L’abolizione del reato di abuso d’ufficio è stata presentata come una necessità, data l’inefficacia della giustizia nel perseguire condotte non chiaramente definite dalla norma precedente. Rosa ha criticato l’opposizione per non aver compreso la problematicità del reato di abuso d’ufficio, considerato più un ostacolo per la Pubblica Amministrazione che un vero e proprio illecito.

Inoltre, Rosa ha apprezzato la nuova regolamentazione delle intercettazioni, vista come un passo avanti verso il rispetto della presunzione di innocenza e la tutela della privacy. Il senatore ha enfatizzato come il decreto sia un avanzamento verso una maggiore civiltà giuridica, che protegge l’individuo e limita l’uso distorto delle intercettazioni.