Sindaco Taranto lascia il Pd: “Cerco nuove motivazioni”

“Oggi si conclude formalmente la mia esperienza nel Partito Democratico. Un partito che sta cambiando pelle, come sono inevitabilmente cambiato io lungo questi anni assai impegnativi”. Così il sindaco e presidente della Provincia di Taranto, Rinaldo Melucci, comunica la sua decisione di lasciare il Partito democratico. “Si è portati spesso a pensare – aggiunge – che ci si lasci perché carichi di rancore o insoddisfatti. In verità, in una visione più romantica e profonda del sentire la politica, nella sua accezione più elevata, la scelta di prendere strade differenti può essere dipesa dalla semplice ed umana ambizione di ricercare nuove motivazioni, energie e valori più aderenti al proprio sentire e al proprio progetto politico. Preciso subito che il secondo caso è quello che credo mi riguardi”. Melucci recentemente ha aperto all’ingresso in maggioranza ad Italia Viva, partito a cui – secondo voci insistenti – potrebbe aderire nei prossimi giorni. L’apertura ai renziani aveva creato peraltro malumori nella coalizione di centrosinistra perchè due dei consiglieri di Iv, Massimiliano Stellato e Carmen Casula, erano tra i 17 che, nel novembre 2021, avevano depositato le dimissioni davanti a un notaio portando allo scioglimento anticipato del consiglio comunale.