Dalla CISL lucana proposte ai candidati su temi e priorità della prossima agenda economica e sociale

di Giuseppe Cutro – Un decalogo di proposte per il prossimo Governo nazionale rivolto alle forze politiche impegnate in campagna elettorale, dieci punti, per sottolineare le priorità dell’agenda economica e sociale, per riprende e sviluppare in chiave territoriale i temi dell’agenda nazionale.

È quanto hanno proposto a Potenza i vertici lucani della Cisl, presentando un documento che vuole portare ad un confronto produttivo e di merito con i protagonisti della politica locale, sulla consapevolezza, ha spiegato il segretario genarle della Basilicata della Cisl, Vincenzo Cavallo, “che il dialogo sociale sia la via maestra per far avanzare riforme e investimenti che diano stabilità, continuità e consenso ad una transizione che metta al centro le ragioni dei lavoratori, dei pensionati, delle famiglie, della lotta alle disuguaglianze, in una prospettiva di sviluppo più equo, inclusivo, partecipativo e sostenibile”.

Un’agenda sociale con le priorità da affrontare anche grazie al confronto partecipativo con le forze sociali perché, hanno spiegato i vertici lucani del sindacato, sono molti i temi da affrontare come la pandemia, la guerra in Ucraina, l’inflazione crescente, tutti argomenti che hanno determinato un quadro economico e sociale che richiede un forte intervento pubblico e una progettazione partecipata delle azioni da compiere.

Ma ancora Mezzogiorno, politiche industriali, contrattazione decentrata e politiche fiscali, occupazione, infrastrutture, legalità, politiche sociali, riforma istituzionale, con uno sguardo sempre rivolto alle fasce sociali più fragili che rischiano più delle altre di subire il peso del rincaro sui costi dell’energia.