Elezioni politiche, in Basilicata è il momento dei coordinatori

La piccola Basilicata il prossimo 25 settembre, porterà in parlamento solo quattro deputati e tre senatori. Anche per questo la corsa alle candidature dei vari esponenti politici è resa più complicata. Ma buona parte delle decisioni risentiranno anche delle decisioni romane dei vari leader che stanno ancora lavorando per definire il quadro delle alleanze.

A livello locale in questi giorni è fondamentale il lavoro dei coordinatori. Guardando a destra, nel partito di Giorgia Meloni l’agenda per i prossimi giorni è stata scritta durante l’assemblea celebrata martedì sera a Potenza. Da giorni i nomi di Salvatore Caiata e Gianni Rosa circolano con insistenza per i posti in cima alla lista come candidati di coalizione. Una designazione che, al netto dei nomi, dovrà però tenere in considerazione anche l’equilibrio della rappresentanza delle due province come ricorda Leonardo Giordano da Montalbano mentre Rocco Leone da Policoro, l’ex assessore campione di suffragi nelle urne con Forza Italia, ricorda l’importanza della scelta dei candidati in base ai voti da portare in dote. Voti che non mancherebbero di certo allo stesso Piergiorgio Quarto, cui Coldiretti guarda sempre con simpatia.

Dalle parti della Lega è invece Matteo Salvini che sul suolo regionale, anzi sulla sabbia di Scanzano Jonico di Pasquale Cariello, rassicura una equilibrata rappresentanza di candidati delle due province. L’esponente lucano più visibile e con maggiori aspettative è il senatore Pasquale Pepe. Come pure Amedeo Cicala o nel materano, oltre al citato Cariello il montese Zito e il bernaldese Tataranno.

Dentro Forza Italia, come da tradizione si attendono le decisioni che arriveranno da Berlusconi, tornato a recitare un ruolo di primo piano in questa campagna elettorale. In attesa di notizie da trasmettere ai cinque parlamentari uscenti, c’è il sottosegretario Moles che coordina il partito lucano. In attesa di nuove Michele Casino, Saverio De Bonis e Gianluca Rospi.

Nel centro-sinistra la consapevolezza di giocarsi “la campagna elettorale più importante degli ultimi anni” ce l’ha Marco Zampino, segretario dei Giovani Democratici. Sarà lui il coordinatore della campagna elettorale che, finita la stagione congressuale con l’elezione di Arduino Lospinoso a segretario provinciale di Potenza e Claudio Scarnato a Matera, come scrive il Segretario La Regina “Bentornata Unità” alla Festa Regionale de L’Unità.

Circa la rosa degli otto candidabili sul tavolo di Enrico Letta, prova a fare il “guastafeste” Piero Lacorazza, secondo cui almeno 3 esponenti non sono in linea col regolamento sul limite dei mandati: Margiotta, Chiurazzi e De Filippo. A completare la rosa dei candidabili l’ex governatore Marcello Pittella, Viviana Cervellino, Maddalena Labollita, Maura Locantore e Lucia Sileo.

Le decisioni di Matteo Renzi, incamminato alla corsa in solitaria di Italia Viva sono attese dai due esponenti di punta lucani: Mario Polese – per il quale parlare di candidature è prematuro –  e Luca Braia. Entrambi non si sbilanciano ma si dicono disponibili a dare il proprio contributo.

Intanto i vertici regionali di Centro Democratico e quelli provinciali, “gli amici ed i simpatizzanti che negli anni hanno condiviso battaglie comuni ed elezioni sotto il simbolo di CD” hanno di fatto firmato un documento con il quale prendono le distanze dall’accordo nazionale che Bruno Tabacci ha siglato con Luigi Di Maio, per la nascita del nuovo partito “Impegno Civico” per proseguire l’impegno, per altro già avviato da tempo con il “Laboratorio Politico” di Basilicata.

All’interno di Impegno Civico si muove invece, dal primo agosto, il dimaiano Luciano Cillis fuori ormai dal Movimento 5 Stelle che invece domenica ha celebrato la prima assemblea regionale dopo la pandemia, alla quale ha partecipato in collegamento da remoto anche il Presidente Giuseppe Conte. Entusiasmo alle stelle per il coordinatore Lomuti: Organizzazione, contenuti del programma e vicinanza agli elettori i punti chiave che il Movimento intende sviluppare verso le autocandidature che si apriranno nelle prossime ore, ovvero venerdì 5 agosto alle 14.00 per concludersi alla stessa ora di lunedì 8.