Settore idrico. Basilicata apre “nuovo corso” su gestione e investimenti

L’Acqua ha un valore più del costo sostenuto per la sua gestione, molto ha fatto la Basilicata e tanto si farà sugli investimenti anche grazie al PNRR, dove la Regione ha candidato progetti per 1,8 mld nel settore idrico e 126 mln sui rifiuti.
E’ quanto emerso nella conferenza stampa voluta dal governatore Bardi per illustrare il nuovo corso strategico sul futuro amministrativo e gestionale della risorsa idrica, considerata ancor più importante di quella petrolifera. “Comincia una nuova era, ma in continuità con il passato, perché negli ultimi tempi è stato fatto bene – ha dichiarato, in riferimento al nuovo amministratore unico di Acquedotto Lucano, Alfonso Andretta. Risanata la situazione economica, l’azienda del servizio idrico integrato punta alla riduzione di costi del personale ed energia, oltre a proseguire il percorso comune con Acquedotto Pugliese.
Intervenuti anche l’assessore all’ambiente, Gianni Rosa – che ha stemperato il clamore sull’aumento medio delle bollette di AQL – e l’amministratore dell’Egrib, Canio Santarsiero.