Tribunale di Melfi, Bardi fa appello all’unità politica

Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, ha fatto appello all’unità di tutte le forze politiche nella battaglia per la riapertura del tribunale di Melfi. “La nostra comunità viene prima delle appartenenze politiche”, ha dichiarato Bardi intervenendo nella seduta straordinaria del consiglio regionale convocata proprio per affrontare la questione del tribunale melfese.

La presenza del palazzo di giustizia serve a restituire allo Stato il controllo del territorio nell’area più industrializzata della Basilicata, che conosce anche una forte pressione sullo sfruttamento del lavoro irregolare nei campi”, ha continuato Bardi. E’ stato inoltre ribadito l’impegno del Consiglio e della Giunta rispetto alla richiesta di una sezione della Direzione investigativa antimafia operante per il distretto della corte di appello di Potenza.

“Lascia ben sperare l’istituzione – ha concluso Bardi- da parte del Governo, della commissione interministeriale per la Giustizia nel Mezzogiorno voluta dalle ministre della Giustizia e per il Sud e la coesione territoriale, Marta Cartabia e Maria Rosaria Carfagna”, che “saprà mettere mano a quella decisione che nel 2013 portò alla soppressione del Tribunale di Melfi”.