Elezioni Puglia: Tar accoglie ricorso candidato non eletto Pd

Il Tar Puglia ha accolto il ricorso presentato da Sergio Blasi del Partito democratico, candidato non eletto alle ultime elezioni regionali. L’accoglimento della istanza di Blasi, che chiedeva l’annullamento dell’atto di proclamazione degli eletti nel Consiglio regionale pugliese, non è comunque definitiva ed è stata accettata “nella parte in cui sono stati attribuiti esclusivamente due seggi alla lista del Pd nella circoscrizione della provincia di Lecce anziché i tre seggi spettanti in applicazione della normativa vigente”.

I giudici amministrativi hanno dato mandato alla Prefettura di Bari, “di procedere alla rideterminazione della ripartizione dei seggi in base al principio espresso nella motivazione”, che sarà depositata entro dieci giorni.

La Prefettura, che ha ricevuto lo stesso incarico per I ricorsi presentati da altri candidati consiglieri non eletti, tra i quali Domenico De Santis, del Pd, ha già provveduto a “ridisegnare” l’assise regionale e nel suo calcolo Blasi rientrerebbe tra i consiglieri eletti.

Si dovrà comunque procedere ad una nuova verifica che verrà trasmessa al Tar, in vista della prossima udienza dell’8 luglio, quando i giudici si pronunceranno definitivamente su tutti i ricorsi.

E’ stato inoltre rigettato il ricorso presentato dal candidato non eletto di Forza Italia, Marcello Lanotte, mentre si attende ancora la decisione su altri due ricorsi, quello di Teresa Cicolella, del Pd, e di Antonio Raone, della lista Con Emiliano.