Covid: Fdi e Fi, Puglia in zona arancione grazie a Emiliano

“Danni incalcolabili per l’economia del territorio”

“La Puglia resta in zona arancione per colpa di Emiliano e Lopalco”. Parole dure arrivano da Forza Italia e Fratelli d’Italia nei confronti dell’epidemiologo.

“I pugliesi – dicono il commissario regionale di Forza Italia, Mauro D’Attis, e il capogruppo, Stefano Lacatena, ringraziano Lopalco per la permanenza della Regione in zona arancione, con danni incalcolabili per l’economia del territorio. Lo ringraziano per aver fatto saltare ogni tentativo di tracciamento del contagio, parlando di “tamponite” e centellinando lo screening. Lo ringraziano per aver speso milioni e milioni di euro per l’ospedale in Fiera, che non risolve il fabbisogno di posti letto e patisce una grave carenza di personale. Lo ringraziano per non aver saputo organizzare la campagna vaccinale, lasciando che centinaia di furbetti approfittassero mentre le persone fragili sono ancora in attesa”.

“Non ci fa piacere – rincara la dose Ignazio Zullo, capogruppo di Fdi – ma purtroppo quello che temevamo si è verificato nella valutazione settimanale dei dati di diffusione dell’epidemia in Puglia: restiamo in zona arancione nonostante i proclami di zona Gialla che Emiliano andava sventolando ai quattro venti. Valutavamo i report giornalieri e i dati non lasciavano ben sperare. Abbiamo reiteratamente sollecitato il duo Emiliano-Lopalco ad associare alla pratica vaccinale un’intensificazione della tecnica delle tre “T” per testare, tracciare e trattare ovvero isolare i positivi e mettere in quarantena i contatti. E’ evidente – conclude – che restare ancora in zona arancione è un ulteriore colpo all’economia pugliese che sta soffrendo da troppe settimane e che vede altre Regioni aver iniziato la ripresa”.