Governo Draghi: confermati i ministri lucani Speranza e Lamorgese

Roberto Speranza – tra i promotori della lista Progressisti per la Basilicata

ROMA. Il premier incaricato Mario Draghi ha sciolto la riserva sulla formazione del nuovo governo, dopo il colloquio con Mattarella.  Due dei dicasteri più importanti sono stati confermati ai lucani Luciana Lamorgese, ministro dell’Interno, e Roberto Speranza alla Salute.

 

Il pugliese Francesco Boccia, invece, è stato sostituito da Mariastella Gelmini (Forza Italia) nuovo ministro per gli Affari regionali e le Autonomie.

Una vita vissuta in Puglia per il professor Roberto Cingolani, ministro per la transizione Ecologica: si è laureato a Bari e ha insegnato a Lecce.

Il giuramento della nuova squadra, nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, avverrà sabato a mezzogiorno. Nove giorni dopo aver ricevuto l’incarico, dunque, l’ex presidente della Bce è salito al Quirinale. Il governo di Mario Draghi , come ipotizzabile, è composto sia da tecnici che da politici con diverse new entry:

Ministro per i Rapporti con il Parlamento: Federico D’Incà (M5s)
Ministro per la Pubblica Amministrazione: Renato Brunetta (Forza Italia)
Ministro per gli Affari regionali e le Autonomie: Mariastella Gelmini (Forza Italia)
Ministro per il Sud e la Coesione territoriale: Mara Carfagna (Forza Italia)
Ministro per le Politiche giovanili e lo Sport: Fabiana Dadone (M5s)
Ministro per le pari opportunità: Elena Bonetti (Italia viva)
Ministro per la Disabilità: Erika Stefani (Lega)
Ministro del Turismo: Massimo Garavaglia (Lega)
Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: Luigi Di Maio (M5s)
Ministro della Difesa: Lorenzo Guerini (Pd)
Ministro dello Sviluppo Economico: Giancarlo Giorgetti (Lega)
Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali: Stefano Patuanelli (M5s)
Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali: Andrea Orlando (Pd)
Ministro della Cultura: Dario Franceschini (Pd)
Ministro della Salute: Roberto Speranza (Leu)

Ministri tecnici:

Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione: Vittorio Colao
Ministro della Giustizia: Marta Cartabia
Ministro dell’Interno: Luciana Lamorgese
Ministro per la transizione Ecologica: Roberto Cingolani
Ministro dell’Istruzione: Patrizio Bianchi
Ministro dell’Università e della Ricerca: Cristina Messa