Giunta Regionale, Emiliano incontra i Cinque Stelle “di governo”

Barone, Casili, Di Bari e Galante pongono i temi sul tavolo in attesa della votazione su Rousseau

Un incontro preliminare, continuano a ripetere, giusto per parlare del cronoprogramma da mettere in atto sui temi cari al Movimento che potrebbero entrare nel programma di governo della Regione Puglia per i prossimi cinque anni. Ma di fatto il summit previsto nella sede della Giunta regionale a Bari tra Michele Emiliano e i quattro consiglieri del Movimento Cinque Stelle che hanno manifestato la disponibilità a collaborare con la maggioranza, e cioè Rosa Barone, Cristina Casili, Grazia di Bari e Marco Galante, ha il sapore di una decisione già presa, nonostante ufficialmente si attenda la comunicazione del voto online sulla piattaforma Rousseau che dovrebbe dare il via libera ufficiale alla riproposizione anche in Puglia dell’alleanza che a Roma vede centrosinistra e pentastellati governare insieme ormai da 15 mesi. Una consultazione che si attende ormai da settimane, e che in qualche modo è già stata superata dai fatti con il posto lasciato libero da Emiliano nella sua giunta, e che dovrebbe essere ricoperto da Rosa Barone al Welfare, e con la scelta di lasciare a Casili il posto riservato alla maggioranza come vicepresidente del Consiglio regionale. Primo passo che autorizza dunque i Cinque Stelle a fare ipotesi di propri punti da mettere all’attenzione della giunta regionale, dal momento che i vertici nazionali non hanno avanzato obiezioni alla mossa dei quattro, sostenuta anche dal premier Conte. Resta invece sull’Aventino Antonella Laricchia, in attesa di capire quali mosse ufficiali arriveranno da Roma. Buona parte della base dei militanti, soprattutto a Bari, raccolti intorno a lei stanno ipotizzando manifestazioni di protesta contro una decisione incomprensibile per molti, e che potrebbe essere il preludio per una possibile crisi all’interno del Movimento vista la contrarietà di esponenti nazionali a partire dall’ex ministro Barbara Lezzi.