Il presidente della Commissione parlamentare antimafia a Cerignola

 Nicola Morra, a Cerignola, insieme al premier Conte, per presentare il progetto “Legali Tour”

“Tutto lo Stato democratico vorrebbe una accelerazione del trasferimento di proprietà dalla mafia alle cooperative sociali che usano un bene per produrre economia sana rivolta alla società”. Lo ha sottolineato il presidente della Commissione parlamentare antimafia, Nicola Morra, arrivando a Cerignola (Foggia) per la presentazione con il premier Conte del progetto “LegaliTour: percorsi di legalità, formazione ed orientamento nel sistema educativo nazionale di istruzione”. Il governo è impegnato a ridurre i tempo: “Questo impegna – precisa – lo vedrete anche con il decreto legge Semplificazione e tutti gli altri dl che seguiranno, perché si sta diffondendo una consapevolezza che questo capitale immane non possa rimanere inerte nell’azione di contrasto alla mafia”. Morra sottolinea inoltre di aver: “già incontrato” il prefetto Bruno Frattasi, direttore dell’agenzia nazionale dei beni confiscati alla criminalità organizzata: “anche con la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina – aggiunge – si sta lavorando per l’inizio dell’anno scolastico affinché ci sia la disponibilità di spazi che provengano dal mondo dei beni confiscati. Sarà un segnale ancora più forte che lo Stato sottrae e mette a disposizione dei cittadini – conclude – soprattutto di quelli più deboli”.