Politica, Pd Matera: “Governissimo cittadino non esiste più. Su bando eventi: noi solo legalità e trasparenza”

“Chiediamo legalità, trasparenza e rispetto delle regole; noi non vogliamo e non abbiamo bloccato nulla”. Così il Segretario del Partito Democratico di Matera, Cosimo Muscaridola in risposta all’ex Assessore all’identità euro mediterranea del Comune, Adriana Poli Bortone che, nel rassegnare le dimissioni qualche giorno fa, accusava la compagine del Pd in Consiglio comunale di avere “una certa allergia ai bandi” facendo in particolare riferimento ad un programma biennale di eventi già pronto il 14 febbraio per andare in Giunta e che invece e’ ancora bloccato. “La Poli Bortone si è dimessa – semmai – ha specificato Muscaridola perchè il Pd ha bloccato gli interessi che loro avevano valutato di portare avanti. Nessuno dei nostri Assessori è stato mai coinvolto nelle scelte che si andavano a fare. La politica – ha rimarcato – ha il diritto dovere di dare gli indirizzi; in un secondo momento si fanno i bandi con condivisione e socializzazione. Il nostro presidente di Commissione Turismo L’episcopia non è stato mai coinvolto per portare gli eventi in Commissione”. A questo punto hanno specificato il Governissimo, ossia ricordiamo il governo di unità municipale e salute pubblica di cui fa parte anche il Pd da giugno 2017, “non esiste più – ha detto Muscaridola. Nei prossimi giorni convocheremo una direzione cittadina ‘nella quale decideremo le azioni da intraprendere: quindi se uscire dalla maggioranza o riprendere il confronto con la citta’ per salvare Matera 2019′; questo con i tempi necessari per non prendere altre fregature”. Noi, nel giugno 2017, ci siamo assunti la responsabilità del Governo della città sapendo che era molto complicato farlo; “sapevamo, infatti, che quel cartello elettorale, (in riferimento al centro destra e alle liste civiche vincenti), era solo un collante di poteri e interessi”. Non capiamo – è stato detto – perchè con circa 22 Consiglieri a loro favore (il risultato delle urne) abbiano deciso ad un certo punto di rivolgersi al Partito democratico per andare avanti. Sarebbe stato meglio – hanno fatto intendere – se avessimo votato l’anno scorso; almeno adesso avremmo avuto un altro Sindaco e un altro Governo.