Puglia. In consiglio regionale aperta ufficialmente la sessione di bilancio

 Le opposizioni hanno sollevato criticità legate alla tempistica

Si è aperta ufficialmente la sessione di bilancio nel Consiglio regionale della Puglia con sei delle sette commissioni consiliari che hanno vagliato il documento di economia e finanza regionale ed i due disegni di legge relativi all’esercizio finanziario 2018 e pluriennale 2018-2020.

Le opposizioni di centrodestra e del Movimento 5 Stelle, dopo aver sollevato criticità legate alla tempistica imposta, si sono mosse compatte contro i provvedimenti decretando l’emissione di un parere sfavorevole nella commissione Ambiente e l’impossibilità di esprimerlo nella commissione Affari Istituzionali.

Un voto contrario che ha portato inoltre ad esprimere a maggioranza nelle restanti quattro commissioni il parere favorevole. Nella commissione Ambiente a pesare sono state le assenza tra le fila della maggioranza, mentre nella commissione Affari Istituzionali la presenza è stata ininfluente visto l’elevato quorum richiesto. Nel merito dei principali provvedimenti la commissione Sanità ha previsto un ulteriore stanziamento di 20 milioni di euro in favore del servizio sanitario regionale per far fronte agli investimenti già sostenuti dalle Asl nel 2017. La commissione Sviluppo economico ha sostenuto gli interventi di efficientamento energetico negli edifici residenziali privati prevedendo (all’unanimità) una dotazione finanziaria di 4,7 mln per il 2018 e di 1,7 milioni per il 2019 e 2020. Per i Distretti Urbani del Commercio previsto una finanziamento per il 2018 di 3 milioni, ulteriore rispetto alla dotazione finanziaria di 1,3 milioni dell’apposita legge regionale in materia. La commissione Ambiente si è invece soffermata sul finanziamento di 3 milioni di euro a favore dei comuni per lo svolgimento dell’attività di contrasto all’abbandono dei rifiuti e gli ulteriori 3 mln per le attività di decontaminazione, smaltimento e bonifica dell’amianto.