Amministrative Taranto: spuntano i primi nomi, qualcuno si affaccia su Facebook

Quattro mesi alle amministrative a Taranto. Inizia la corsa dei nomi anche se c’è ben poco, ancora, di ufficiale. Per lo più si comunica infatti sui social. Qualcuno lancia la pietra e nasconde la mano, quasi a voler tastare il terreno prima di esporsi.

“Solo se la città risponderà in maniera significativa confermerò la mia candidatura”, scrive su Facebook l’ambientalista Fabio Matacchiera, presidente del Fondo antidiossina che da’ appuntamento alla città per domenica 19 febbraio alle 19, in piazza della Vittoria. Usa il social pure Gianpaolo Vietri, consigliere comunale FI, per dire che “ci metto la faccia, per un progetto comune con chi ha voglia di non arrendersi”. Altro appuntamento arriva dal Movimento Taranto Respira: annuncerà il nome del candidato il 4 febbraio alle 11 al Nautilus.

C’è poi Piero Bitetti del PD, presidente del consiglio comunale, papabile vice presidente della Provincia e sostenitore del progetto Taranto: “Mettiamo a disposizione una lista civica, per fare squadra, e far uscire Taranto dalla crisi”, ma manca ancora il capitano. Ancora dalla scuderia del Pd diventa sempre più concreta la candidatura di Gianni Azzaro, ex vice presidente della Provincia, spalleggiato dal sindaco di Bari Antonio Decaro, su segnalazione del quale Azzaro è stato nominato nel consiglio nazionale dell’Anci.

Qualche nome giunge pure dal mondo della sanità, con la pediatra Annamaria Moschetti e ci fa un pensierino il presidente dell’ordine dei medici Cosimo Nume. Spunta a sorpresa il nome di Rosa De Benedetto, dirigente comunale. Altra donna a farsi avanti, l’imprenditrice Floriana De Gennaro.

Il Movimento 5 stelle, chiarita la distanza dal procuratore Franco Sebastio, boccia la candidatura di Francesco Nevoli (complicando i rapporti con i Liberi e pensanti) e va avanti con la “selezione”: sembra guadagnare spazio Bartolomeo Lucarelli, assistente della europarlamentare Rosa D’Amato.