Adduce: ‘Matera 2019 deve entrare nella legge di stabilità’

Salvatore Adduce

Salvatore Adduce

‘Matera 2019 deve entrare nella legge di stabilità’. È quanto ha chiesto, da presidente dell’Anci Basilicata, Salvatore Adduce, intervenendo al comitato direttivo dell’Associazione Nazionale dei Comuni, per richiedere un maggior impegno del sodalizio nel risolvere le criticità più grandi che interessano tante amministrazioni comunali. “È necessario – ha detto Adduce – risolvere rapidamente con un decreto ad hoc i problemi derivanti dalle tardive deliberazioni delle aliquote e tariffe di Tari, Tasi, Imu e addizionale Irpef , ma altrettanto importante è la questione delle centrali uniche di committenza che proprio in questi giorni sta impedendo a tanti comuni di appaltare lavori finanziati con fondi europei, il Po Fesr e Fear. Anche il termine per la realizzazione delle unioni dei comuni fissato al 31/12/2015 va spostato in avanti dando ai comuni maggiore autonomia”. Ma Adduce ha chiesto a Fassino “un impegno particolare per sostenere nella legge di stabilità il programma Matera 2019. È necessario assicurare alla capitale europea della cultura una dote finanziaria per opere utili alla città e l’approvazione di misure di snellimento burocratico, compreso la possibilità di assunzione oltre i limiti stabiliti dalle norme”.