Dissesto enti: stop al soccorso regionale. Mozione di Napoli e Castelluccio (FI)

Michele Napoli - presidente Quinta commissione consiliare regionale“Il Consiglio regionale impegna la Giunta a non prevedere nella legge di stabilità e/o in altri provvedimenti di natura finanziaria risorse in favore degli enti pubblici territoriali che hanno fatto registrare disavanzi e/o diseconomie derivanti dalla gestione della spesa corrente”. Questo è quanto recita il testo della mozione che i consiglieri regionali di Forza Italia, Michele Napoli e Paolo Castelluccio, proporranno al prossimo consiglio regionale e che, stamane, hanno illustrato alla stampa.

Una mozione di natura squisitamente politica, per sancire il principio di responsabilità amministrativa. “Abbiamo assistito negli anni – ha detto Napoli – proprio in occasione della finanziaria, ad iniziative da parte del governo regionale tese ad elargire risorse in favore dei comuni, spesso per far si che possano far fronte ai debiti accumulati. Questa è un’azione politica – ha aggiunto Napoli – che va contro quel principio che noi vorremmo si affermasse: “vedo-pago-voto”, cioè il cittadino deve essere messo nelle condizioni di valutare l’operato delle proprie amministrazioni”.

La mozione prende spunto inoltre dai dati forniti dal Ministero dell’economia e delle finanze che, attraverso la banca dati Open Civitas, quantifica le spese necessarie affinchè ciascun comune possa erogare ai propri cittadini i servizi essenziali. Una sorta di termometro da tener presente per valutare l’operato degli amministratori e della classe politica. E, in buona sostanza, il documento presentato da Forza Italia va proprio in questa direzione, affermando un secco no  al soccorso regionale “che serve solo a mascherare delle responsabilità”.