Una storia politica al femminile, Nilde Iotti raccontata da Livia Turco a Potenza

Al centro, Livia Turco

Al centro, Livia Turco

POTENZA – Nilde Iotti, come pochi altri, figura emblematica del Novecento, di quel ‘secolo breve’ le cui date coincidono con la sua stessa biografia (1920-1999).

Dalla formazione cattolica all’impegno militante nel Pci, alla svolta post-comunista del 1992; dalla laurea alla Cattolica di Milano ai primi coinvolgimenti nell’antifascismo e nella Resistenza; dall’elezione all’Assemblea costituente alla partecipazione diretta alla stesura del testo costituzionale, alla lunghissima attività parlamentare, fino alla presidenza della Camera dei deputati.

Un percorso racconto da Luisa Lama, studiosa di Storia delle istituzioni pubbliche e dell’università nel Novecento italiano, all’interno del volume dal titolo “Nilde Iotti – Una storia politica al femminile” con un’introduzione di Livia Turco. Il testo di 288 pagine, appena uscito per Donzelli Editore, sottolinea anche il contrappunto privato alla vita pubblica della Iotti, compagna di Palmiro Togliatti. Una dimensione privata vissuta con schiva dignità e con consapevole coraggio.

Quando, a ventisei anni, Nilde entra nell’emiciclo di Montecitorio, scoppia anche, irrefrenabile, l’amore con Togliatti, il capo comunista, l’uomo sposato, di 27 anni più vecchio di lei. Di quell’incontro, punto di svolta di una vita, Lama ricostruisce la drammatica e coinvolgente intensità, anche sulla base di un documento straordinario, che per la prima volta viene qui alla luce: il carteggio inedito intercorso tra Nilde Iotti e Palmiro Togliatti dall’agosto del 1946 all’agosto del 1947. Da allora, i due vivranno insieme in un rapporto affettivo che solo la morte di Togliatti andrà ad interrompere. E alle mani di Nilde Iotti Togliatti consegnerà la stesura di quel Memoriale di Yalta cui nel 1964 affiderà il suo lascito politico.

Luisa Lama ed il suo libro sono stati presentati lunedì 8 luglio a Potenza presso la Sala degli Specchi del Teatro Stabile nell’ambito di un evento organizzato da Pasquina Bona, Presidente dell’assemblea regionale del PD e Lucia Sileo, Presidente dell’assemblea del PD di Potenza, in collaborazione con la Fondazione Nilde Iotti e alla presenza della sua presidente Livia Turco.
L’occasione, molto partecipata, ha visto l’illustrazione del progetto della Fondazione.

“Il recupero di figure centrali della vita politica italiana può passare attraverso questi libri – ha dichiarato Pasquina Bona, presidente dell’assemblea lucana del Partito Democratico – in questo caso femminile. E’ fondamentale capire e trasferire soprattutto ai più giovani questa memoria storica.”

Il saluto di Lucia Sileo, Presidente dell’assemblea PD di Potenza, ha poi visto Livia Turco ringraziare l’impegno del centrosinistra lucano soffermandosi sulla analisi del libro e chiudendo con una frase: “Le donne hanno nelle loro mani la possibilità di costruire una nuova Italia. Sono le loro competenze professionali, la loro moralità, la tenacia, il loro sguardo verso il futuro a renderle attrezzate a costruire le riforme necessarie nel nostro tempo e ad essere classe dirigente del nostro paese. Il ricordo di Nilde Iotti è vivo e la fondazione lavora proprio in suo nome.”