Scomparsa Colombo: a Potenza aperta la camera ardente

IMG_5119POTENZA – Emilio Colombo torna per l’ultima volta nella natia Potenza. Ed a salutare la salma è arrivata tutta la Basilicata politica, unita sotto i tanti gonfaloni presenti in Piazza Mario Pagano a Potenza, dove tra gli altri molti curiosi hanno atteso che il carro funebre sostasse ed il Sindaco di Potenza Santarsiero rivolgesse l’ultimo saluto con poche righe dense di emozione e significato e celebrare la figura del Senatore a vita.

“Il Senatore Colombo è tornato nella sua terra – ha letto il primo cittadino di Potenza – che lo ha visto protagonista in Italia, in Europa e nel mondo. Solo un anno fa ci fu offerta una memorabile lezione sul valore dell’Europa e della pace. Ora, Presidente Colombo torna tra la sua gente, quella stessa gente che negli anni 50’ e 60’ l’ha visto nelle sue case a piedi e a dorso di mulo. Quella gente con cui fortissimo ed indissolubile è rimasto il legame, anche nei momenti degli impegni più gravosi e più solenni. Avete accompagnato i processi di crescita e modernizzazione delle nostre comunità. La presenza dei tanti sindaci e gonfaloni, la presenza dei due Presidente di Potenza e Matera, del Presidente della Regione e dei tanti amministratori, del Signor Prefetto, sta a rappresentare quanto forte è questo legame ed è un grazie da parte delle singole comunità per quanto ricevuto. Caro Presidente, con la solenne messa Vi accompagneremo in Palazzo di Città, da questi stessi vicoli e da questa piazza che vi ha visto bravo e precoce, subito chiamato dal nostro Santo Vescovo Mons. Bertazzoni per una missione che si è rivelata storica. Lì riceverete il saluto di questo nostro popolo, che avete impegnato negli anni 50’ per servire la nostra città benché gravato da impegni nazionali ed europei. Grazie Presidente Colombo. Ci stringiamo intorno alle sue sorelle e familiari – ha concluso Santarsiero – sapendo che da oggi ci sentiamo tutti un po’ più soli ma sapendo anche che da lassù avremo anche un angelo in più a pregare per tutti noi. Grazie Presidente Colombo.”

Poi in corteo, le personalità con in testa lo stesso Santarsiero, il Presidente della Regione Vito De Filippo, il Sindaco di Matera Salvatore Adduce ed i due Presidenti di Provincia Piero Lacorazza e Franco Stella, ha mosso verso il Palazzo di Città. Lì è stata aperta la camera ardente dove una breve cerimonia religiosa ha poi lasciato spazio a numerose visite. Da evidenziare la poca partecipazione giovanile, forse segno evidente di una scomparsa che guarda il passato mentre la Basilicata ha fretta di guardare al futuro.

Domani, Giovedì, la celebrazione della Santa Messa nella Cattedrale alle ore 11.00.

[new_royalslider id=”51″]