Finanziamento ai Partiti, Renato Schifani: tempi brevi per una soluzione condivisa

MATERA – Quella di Pascoli fu una poesia imbevuta di umanesimo e idealismo, moderna dal punto di vista stilistico e del tono. Con queste parole il Presidente del Senato, Renato Schifani, ha voluto omaggiare il poeta romagnolo, che nella città dei Sassi cominciò a muovere i primi passi da professore di latino e greco, al liceo classico Duni, dal 1882 al 1884. A cento anni dalla sua scomparsa e nel giorno delle celebrazioni, il Presidente Schifani ha inoltre riconosciuto alla poetica pascoliana una ricchezza di intuizioni e contraddizioni che fecero dello stesso Pascoli un antesignano di Pasolini. Dalla cultura alla Politica il passo è breve, brevissimo. E non poteva essere altrimenti, data l’eco degli ultimi sviluppi politici che hanno accompagnato il numero uno di Palazzo Madama, nella sua visita a Matera. Uno Schifani a 360 gradi, nelle dichiarazioni rilasciate ai giornalisti a margine dei lavori: dal tracollo della lega, al finanziamento ai Partiti, alla riforma elettorale. Sulla vicenda Rosi Mauro, vice presidente del Senato in quota Carroccio, almeno fino agli ultimi scandali in casa leghista, è chiaro: non può essere sfiduciata. Altrettanto netta la posizione del Presidente Schifani sulla vicenda esodati, sulla quale il Governo aveva annunciato nei giorni scorsi la copertura finanziaria, ma solo per 65mila di loro. Occorre trovare presto una soluzione per chi, come loro, è senza lavoro, senza pensione e senza futuro. Sul finanziamento dei partiti, Schifani ha inoltre annunciato il suo impegno perché sia approvato un testo condiviso, da tutti gli schieramenti politici, che esprima regole chiare e certe. Insomma tempi brevi e iter certo, per evitare i continui slalom delle forze politiche. Tempi veloci infine anche per la riforma del lavoro, quasi da decreto, ha confermato Schifani. E sulla riforma della legge elettorale, il Presidente del Senato non ha risparmiato una stoccata ai Partiti: siamo ancora in attesa di una proposta nero su bianco.