Il consigliere Pedicini segnale ulteriori sprechi dell’Amministrazione.

Matera – In un momento in cui la parola crisi è diventata un intercalare comune, l’amministrazione comunale di Matera sembra non preoccuparsene. L’ennesima segnalazione arriva del consigliere del Pdl, Adriano Pedicini che parla di assenza di rigore economico nell’amministrazione comunale materana: “non ci sono risorse per provvedere alle piccole opere nella città mentre – sottolinea Pedicini – non mancano i fondi per acquistare 20 contratti di telefonia mobile con apparecchi in noleggio, che dovrebbero essere utilizzati dal personale della Polizia Municipale”. All’incirca un anno fa, fa sapere l’esponente del Pdl, già 20 telefoni cellulari furono acquistati per essere utilizzati dai vigili urbani così da assicurare un efficace servizio di vigilanza esterna; per tali cellulari, al momento dell’acquisto, si era previsto un traffico prepagato di 20 € mensili, quindi per ogni apparecchio si è preventivata una spesa di 240 € l’anno che per 20 telefonini significa 4.800 € l’anno, a cui aggiungere il costo degli apparecchi per un totale di 5.980 €. Fin qui poco di strano se non l’effettivo bisogno dei telefonini, ma a distanza di meno di un anno, Pedicini si chiede perché si rende necessario noleggiare e non acquistare,  altri 20 telefonini questa volta con un contratto in abbonamento della durata di 2 anni, con eventuale proroga. Il consigliere comunale non comprende l’utilità di tutto ciò, soprattutto se si pensa ai 50mila euro spesi per la manutenzione delle apparecchiature radio che già dovrebbero assicurare le comunicazioni tra gli operatori. Risulterebbero ad oggi più di 40 telefonini in dotazione pur se sembrerebbe, aggiunge Pedicini, che al momento vi sia una sola utenza mobile in uso  con contratto telefonico del costo medio di circa 290 € a bimestre. Il consigliere del Pdl ritiene, in conclusione, vergognoso tale spreco di denaro pubblico, ed anche fuori luogo l’uso di benefit che non comportano alcuna utilità in termini di sicurezza. Per questo chiede al sindaco di rendicontare dettagliatamente da chi sono stati utilizzati i 20 telefonini già acquistati in passato e chi utilizzerà i nuovi. Domande semplici ma utili per riscontrare il corretto uso del denaro della comunità.