Nessun confronto Adduce-Tosto su Trm

Un seggio elettorale

MATERA – I candidati Sindaco di Matera, Salvatore Adduce e Angelo Tosto, al ballottaggio domenica 11 e lunedì 12 aprile, hanno deciso di non prendere parte all’ultimo confronto elettorale organizzato da Trm. Entrambi, Adduce mercoledì e Tosto giovedì scorsi, hanno spiegato le motivazioni in due distinti comunicati stampa che riportiamo integralmente, partendo da quello del candidato di centrosinistra: “Se prima non avevamo dubbi, ora abbiamo la conferma circa l’uso parziale della tv di proprietà della famiglia Tosto dopo il confronto solitario mandato in onda ieri sera su Trm”. Lo afferma il candidato sindaco, Salvatore Adduce. “Il mio competitore avrebbe potuto far spostare di qualche ora la registrazione del confronto e consentire la mia partecipazione osservando quelle oggettive condizioni di imparzialità che avevamo richiamato. Pertanto sarebbe stato sufficiente comunicare la variazione di orario al Corecom e registrare la trasmissione secondo modalità condivise. Invece, Tosto, anche in questa circostanza, ha perso l’occasione di dimostrare quanto tenga in considerazione il rispetto degli avversari politici, al di là delle fredde e formali regole dettate dal Corecom.Con ciò non intendo mettere in discussione la professionalità dei giornalisti e la loro autonomia, e neanche approfondire le modalità di convocazione e di presunta mia adesione alla trasmissione. Il tema dell’imparzialità riguarda la gestione complessiva del confronto. E’ noto, infatti, alla città che Trm esprime una linea editoriale che corrisponde a quella del suo editore-proprietario-candidato determinando condizioni di parzialità.Durante tutta la campagna elettorale non mi sono mai sottratto ad alcun confronto compreso quello andato in onda su Trm la sera del 30 marzo durante il quale è emersa con evidenza la mancanza di imparzialità. Per queste ragioni continuerò a confrontarmi con il mio competitore in tutte le sedi terze, a cominciare da quelle Rai, ma certamente evitando di rendermi complice di violazioni palesi delle più elementari regole di imparzialità e anche di buona creanza di cui il mio avversario politico si rende protagonista”. Questo, invece, il testo del comunicato di Tosto: “Dopo una attenta riflessione ho deciso di non partecipare al secondo confronto elettorale per il turno di ballottaggio alle elezioni amministrative di Matera del 11 e 12 aprile organizzato per questo pomeriggio dall’emittente TRM Radiotelevisione del Mezzogiorno e con messa in onda prevista per venerdì 9. In primo luogo desidero ringraziare singolarmente tutti i giornalisti della redazione di TRM per la professionalità sempre mostrata, confermatasi, con evidenza, anche nel corso dell’intera campagna elettorale; allo stesso modo, il mio ringraziamento va in questa occasione alla stampa tutta per il proprio ruolo ed in particolare a quei giornalisti, delle diverse testate, che – per il primo così come per il secondo turno elettorale – hanno voluto mettere a disposizione la propria professionalità ed il proprio tempo aderendo all’invito di partecipare alle tribune elettorali organizzate da TRM. I confronti sono una vetrina importante per i candidati al fine di esporre le proprie idee, progetti, visioni, ma lo sono ancor più per i fruitori che, grazie a queste occasioni, riescono ad analizzare profilo, personalità, carattere e stile dei candidati, al fine di individuare quello considerato meritevole ed a cui affidare, con il proprio voto, la responsabilità, l’onore e l’onere della guida della città. Ecco perché, oggi, il mio dispiacere è forte, in particolare nei riguardi di tutti i cittadini materani, soprattutto in considerazione del momento importante e delicato come quello che Matera sta vivendo. Mi rammarico perché questa opportunità è stata loro in qualche modo preclusa o quanto meno limitata, senza nulla togliere a tutte le occasioni di confronto “terze” organizzate e andate a buon fine, per l’assenza di un vero confronto fra i due candidati sulle frequenze dell’unica emittente che da oltre 30 anni è espressione di un’informazione di servizio, a servizio del territorio e della città di Matera in particolare. La mia scelta di non prendere parte a tale incontro, organizzato nel rispetto rigoroso di quanto previsto dalla normativa in tema di par condicio, è da leggersi esclusivamente come una dimostrazione di stile, mentre leggo invece debolezza nella scelta di rinunciare a tale opportunità informativa per i cittadini da parte del mio concorrente Salvatore Adduce. Non traggo beneficio alcuno da una ulteriore esposizione unilaterale e priva di confronto con il mio concorrente e pertanto ho deciso serenamente di non avvalermi di questo spazio gratuito, pur potendolo fare a norma di legge. Non si tratta di una partita in gioco fra me e lui ma in gioco è il futuro della città che è nelle mani dei cittadini”.