Internet. Trent’anni fa l’Italia si collegò grazie ai “pionieri” del CNR-Cnuce di Pisa

Era il 30 aprile del 1986 ma la notizia fu oscurata dal disastro di Chernobyl avvenuto pochi giorni prima

Il comunicato stampaTrent’anni fa un gruppo di appassionati pionieri collegò l’Italia a Internet, tra i primi paesi in Europa. Era il 30 aprile del 1986: il segnale partì dal Centro universitario per il calcolo elettronico del Cnr di Pisa (Cnuce) e arrivò alla stazione di Roaring Creek, in Pennsylvania. La notizia fu oscurata dal disastro di Chernobyl avvenuto pochi giorni prima, ma fu davvero l’inizio di una storia nuova.

E molto prima che Internet diventasse dominio di tutti, agli inizi degli anni Novanta.

“Non immaginavamo che da lì sarebbe partito un processo che ha portato tre miliardi di persone a collegarsi nel mondo e che quello fosse l’inizio della società dell’informazione”, spiega all’ANSA Stefano Trumpy, a quel tempo direttore del Cnuce e uno degli ‘evangelisti’ che portò il nostro paese a quel traguardo storico.

Insieme a lui c’erano Luciano Lenzini, appassionato scienziato e ‘architetto’ del progetto; Antonio Blasco Bonito e Marco Sommani, cuore tecnico di quell’avventura. Il progetto fu realizzato in sinergia tra Cnr-Cnuce, Italcable e Telespazio; per il collegamento fu usata rete satellitare atlantica Satnet.

Share Button