Serie D, Potenza Calcio: Dilemma iscrizione al prossimo campionato

Potenza FCA poche ore dal termine ultimo fissato dalla Lega Nazionale Dilettanti per partecipare al prossimo campionato, Potenza calcistica vive ore di grandissima apprensione. A tenere banco è la faida interna alla società del leone rampante, emersa con tutto il suo carico di ambiguità, tra l’attuale presidente Notaristefani – dimissionario e di colpo tornato al suo posto con tanto di richiesta d’iscrizione – ed il suo predecessore Grignetti, formalmente mai uscito dall’assemblea dei soci e che oltre a chiedere delle spettanze economiche ha addirittura egli stesso provveduto ad inoltrare una doppia richiesta d’iscrizione di quella che era l’Associazione Sportiva , da alcuni giorni tramutata in SRL.

La storia appare ovviamente come un groviglio dai contorni tragicomici. In una opportuna conferenza stampa, l’assessore comunale allo sport Salvia ha provato a fare il punto, approfittandone per esporre anche il suo anno di lavoro in seno alla macchina amministrativa.

Allo stato dell’arte, inoltre, a poco servono gli intenti programmatici e finanziari avanzati da alcuni imprenditori locali, come il consigliere comunale Cannizzaro, il quale ha sentenziato: “la società ha una esposizione debitoria che non conosciamo in dettaglio e non abbiamo alcun titolo per assicurare l’iscrizione al prossimo campionato. Auspichiamo – ha concluso – un documento unico da parte dei due gruppi interni alla società per capire la reale situazione.”

Poche ore per saperne di più. Il capoluogo lucano rischia di ritrovarsi senza la sua massima espressione sportiva ed a poco servirà, ad esempio, l’intento di far diventare lo stadio Viviani vero e proprio gioiellino per i colori rossoblu.