Legambiente Basilicata: “Istituire area marina protetta della costa di Maratea”

Il patrimonio ambientale della Basilicata “è la vera ricchezza di questa regione”, ma il progetto di un’area marina protetta a Maratea (Potenza) è “in stallo da ‘soli’ 26 anni” nonostante “il completamento, da un decennio, degli studi preliminari per l’area ‘Costa di Maratea’”, e “il voto unanime del Consiglio comunale del 24 marzo 2016”: il problema “è collegato alla mancanza di risorse nella legge di Stabilità” anche se “per altre zone, in Puglia e in Sardegna, questo problema è stato risolto e le aree marine protette sono state costituite”.

E’ quanto hanno spiegato stamani, a Potenza, nel corso di una conferenza stampa, i presidenti regionale e di Maratea di Legambiente, Antonio Lanorte e Giuseppe Ricciardi.

Secondo i due rappresentanti dell’associazione ambientalista, nella legge di Stabilità 2018 sono stati previsti fondi per 300 mila euro per ciascuna delle due nuove aree marine protette di Capo d’Otranto, in Puglia, e di Capo Spartivento in Sardegna, “grazie al lavoro di alcuni senatori in Commisione, che hanno raccolto le richieste dei sindaci del posto”, e per il “lavoro dei parlamentari”.

Maratea, quindi, “non potrà raggiungere l’agognato risultato – hanno aggiunto Lanorte e Ricciardi – senza il sostegno” del Presidente della Regione, Marcello Pittella, e dei parlamentari lucani, “ai quali rivolgiamo un appello per fare in modo che nella legge di Stabilità possa essere inserita anche Maratea, facendo ogni sforzo possibile in questa direzione”.

Share Button