- trmtv - https://www.trmtv.it/home -

Nucleare in Basilicata. Seconda riunione in Regione del Tavolo della Trasparenza

Pietrantuono, su Itrec siamo a un punto importante

“Siamo ad un punto importante: finalmente, grazie alla disponibilità di Sogin e di Enea, entra nel vivo un’attività che prevede non solo un rafforzamento della messa in sicurezza, ma anche la rimozione della quasi certa causa di quel fenomeno di inquinamento. Ovviamente il programma prevede il via libera di Ispra”.

I partecipanti al tavolo della trasparenza

Così l’assessore regionale all’Ambiente, Francesco Pietrantuono, il quale ieri ha presieduto, nella sala Verrastro del palazzo della Giunta, la seconda riunione del 2017 del Tavolo della trasparenza sull’Itrec, l’impianto nucleare di trattamento e di rifabbricazione di elementi di combustione (Itrec), situato nel Centro di ricerche Enea-Trisaia di Rotondella (Matera).

In un comunicato diffuso dall’ufficio stampa è specificato che “alla presenza di rappresentanti di Dipartimento Ambiente, Arpab, del consigliere regionale Giovanni Perrino (M5S), di sindaci e amministratori delle aree interessate e di associazioni ambientaliste, una serie di chiarimenti e di informazioni sono stati forniti da tecnici e funzionari della Sogin, la società di Stato incaricata del ‘decommissioning’, il complesso delle operazioni di decontaminazione, smontaggio e rimozione delle strutture e delle componenti di un impianto nucleare al termine del proprio ciclo produttivo”.

Pietrantuono ha aggiunto che “in primis abbiamo svolto un aggiornamento sulle attività di decommissioning, che procedono con una tempistica sicuramente lunga, per via della complessità delle operazioni. Ci siamo impegnati, nel merito, a trasferire sul sito istituzionale della Regione Basilicata tutte le informazioni sullo stato di avanzamento dei lavori in corso, per consentire alle popolazioni interessate di partecipare attivamente a questo programma. L’altro argomento, sicuramente il principale, riguardava invece la messa in sicurezza e le attività rispetto all’inquinamento venuto alla luce nel 2014. Siamo” ha ribadito l’assessore “ad un punto importante. Stiamo comunque lavorando per tranquillizzare le comunità attraverso la messa in sicurezza e l’estensione del piano di caratterizzazione verso Nova Siri, oltre che” ha concluso “con un intervento volto a rimuovere la causa dell’inquinamento: tutti elementi per noi fondamentali”.

Share Button