Matera. Sarà restaurata la chiesa rupestre della Madonna della Croce

Sarà oggetto di un “intervento esemplare” di restauro la chiesa rupestre della Madonna della Croce, tra le più note del Parco della Murgia materana per l’affresco della “Kryotissa”, la Madonna con Bambino della tradizione bizantina.

L’annuncio è stato dato a Matera nel corso della conferenza stampa di presentazione del progetto. La chiesa si trova su un versante di Murgia Timone, uno dei luoghi più suggestivi per ammirare i rioni Sassi e gli itinerari che conducono alla scoperta di chiese, masserie e jazzi.

Di Pietro – Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=49711793

Il sito rupestre della Madonna della Croce è impreziosito da un grande affresco che rappresenta una Madonna con bambino seduto sul grembo in posizione assiale, affiancata dagli Arcangeli Raffaele e Gabriele nella iconografia della Kryotissa (Madonna in Trono) nel classico schema imperiale.

L’affresco è datato tra il XII scolo e i primi anni del XIII. Di interesse è anche la facciata della cripta, contrassegnata da una serie di nicchiette e croci graffite, e un ingresso con arco a tutto sesto. L’aula, a pianta rettangolare, presenta un muretto con conci in tufo squadrati che richiama l’originaria iconostasi. La volta, nei due vani, presenta due campate: la prima, a crociera con perimetro a rilievo, reca una cupoletta con inscritta una croce equilatera. Due cavità circolari decorano la seconda campata con due croci greche a rilievo. Sulle pareti della chiesa sono numerose le croci graffite.

Il progetto di restauro – con 300 mila euro per l’avvio messi a disposizione dall’Ente Parco della Murgia – si avvale dell’apporto della Scuola di specializzazione in Beni archeologici dell’Università degli Studi della Basilicata, Soprintendenza archeologia belle arti e paesaggio della Basilicata e Scuola di alta formazione di Matera, Icr-Istituto superiore per la conservazione e il restauro.