- trmtv - https://www.trmtv.it/home -

E’ lotta ai nudisti (non autorizzati) nell’Oasi marina protetta di Torre Guaceto

In Puglia sequestrate strutture: sigilli a due palafitte abusive e pericolose

E’ lotta ai nudisti non autorizzati all’interno dell’Oasi marina protetta di Torre Guaceto (Brindisi) e soprattutto guerra alle costruzioni abusive all’interno dell’area di riserva integrale (dove è vietata perfino la balneazione) che, secondo quanto accertato da consorzio e dai militari della Capitaneria di porto, sarebbero state realizzate proprio da uno dei movimenti di nudisti.

Sono state infatti poste sotto sequestro due strutture erette sul demanio marittimo.

“Si tratta – spiegano dal Consorzio – di due grandi opere simili a palafitte che qualcuno ha eretto alla meno peggio, senza avere alcun titolo per agire in tal senso, costituendo un reale pericolo l’incolumità di eventuali utilizzatori e nel tentativo di delimitare un’area che non esiste”.

“Il perimetro – viene precisato – che ignoti hanno tentato di segnare con queste due strutture è quello dell’area dedicata al nudismo, pratica non autorizzata in Riserva e che troppe volte ha creato disagi agli utenti dell’area protetta”.

La sigla Fkk indica il termine tedesco per il movimento nudista

Nell’area in questione, è specificato, è fatto divieto di balneazione per via del delicato ecosistema della zona tutelata da protezione integrale. “Come si evince dalle foto – conclude il consorzio – il riferimento al movimento nudista è lampante e quindi l’identificazione del luogo quale punto di ritrovo per gli amanti del genere è palese. La sigla Fkk indica il termine tedesco per il movimento nudista. Purtroppo nonostante tutti gli sforzi e le risorse umane messe in campo dall’ente gestore, non è la prima volta che questa sigla fa capolino nella Riserva violando e danneggiando l’area protetta”.

Share Button