Pertusillo. Dopo le polemiche con l’Arpab, via libera alla proposta di Pedicini (M5S) sui “campionamenti congiunti”

L’eurodeputato M5S “Mettiamo da parte le polemiche e facciamo analisi congiunte Arpab, Università, Laboratorio indipendente e poi presentiamole a Bruxelles”. Il Dg Arpab Iannicelli: “ok ai campionamenti concomitanti nell’invaso”

“Noi non abbiamo mai messo in discussione l’onestà e la professionalità dei dipendenti dell’Arpab, noi non ci fidiamo dei suoi dirigenti e dei funzionari nominati dalla politica e sotto inchiesta per le varie vicende giudiziarie in corso.
Se l’Arpab è stata accusata più volte dalla magistratura di aver svolto ‘controlli approssimativi e carenti’ sui reflui del petrolio in Val d’Agri e sul termodistruttore ex Fenice di Melfi, non sono nostre illazioni ma fatti documentati da procedimenti di altre istituzioni pubbliche”.

Questo il tono della ennesima replica del parlamentare europeo del M5S Piernicola Pedicini, alla risposta del direttore generale di Arpab, Edomondo Iannicelli il quale lo invitava ad un approccio maggiormento costruttivo: “al suo posto” scriveva il dg Arpab “mi preoccuperei di spendere le mie energie alla ricerca della verità anzichè diffamare onesti lavoratori, che si caricano di una straordinaria mole di lavoro in un momento in cui le difficoltà sono a tutti note”.

Così Pedicini coglie la palla al balzo e chiede: “l’Arpab è disponibile ad effettuare analisi simultanee e separate dello stesso campione delle acque del Pertusillo, insieme all’Università di Basilicata e ad un laboratorio individuato dal M5S Europa? E poi, appena i risultati saranno pronti, il direttore generale Iannicelli è disponibile a rendere noti e confrontare le proprie valutazioni in una conferenza stampa a Bruxelles presso il Parlamento europeo in presenza di rappresentanti della Commissione europea?”

Di fronte alla richiesta il direttore Iannicelli annuncia di fornire al parlamentare il calendario dei campionamenti presso l’invaso del Pertusillo e congiuntamente di predisporre quelli “concomitanti, organizzando adeguatamente le attività in modo che non vi siano interruzioni o rallentamenti di sorta nelle attività urgenti poste in essere”.

Share Button