Monumenti in Viola per la Giornata mondiale epilessia

In Puglia e Basilicata alcuni monumenti si illumineranno di viola in occasione della giornata internazionale dedicata alla sensibilizzazione sulla malattia della epilessia.

La Lega Italiana contro l’epilessia, la società scientifica che raggruppa i medici di branca neurologica che si occupano di epilessia, e dell’ Associazione italiana contro l’epilessia, l’associazione dei pazienti e delle loro famiglie hanno promosso una serie di iniziative: i monumenti che si illumineranno di viola oggi a partire dalle 17.00 sono, in Puglia la torre del Palazzo della Città metropolitana (Bari); Palazzo di città (Taranto), la chiesa delle Clarisse (Monte Sant’Angelo, appuntamento che si è tenuto sabato 10), il Centro epilessia degli Ospedali Riuniti (Foggia). In Basilicata saranno colorate di viola le gradinate di Piazza Giustino Fortunato e il Castello ducale del Balzo a Venosa (Potenza).

Dalle 10.00 alle 17.00 sarà anche attivo il Telefono viola: gli esperti risponderanno a tutte le domande al numero verde 800 595 496. Una persona su cento nel mondo soffre di epilessia e almeno 500mila in Italia le persone che ne sono affette. In otto casi su dieci l’esordio è in età evolutiva, il 30 per cento non risponde alla terapia farmacologica. Il 50 per cento delle sindromi epilettiche è classificato come malattia rara o può associarsi a disabilità intellettive e di neurosviluppo.

“Circondata da un muro di pregiudizi e di ignoranza, che spesso spinge gli stessi pazienti a nascondere la malattia e a sviluppare un disagio sociale e psichico, l’epilessia – viene evidenziato – necessita ancora oggi di una giusta e adeguata informazione. L’epilessia non lede le capacità intellettive, né il rendimento nella vita pratica. L’uso quotidiano di farmaci, una dieta speciale, l’impianto di un neurostimolatore o un intervento di neurochirurgia sono le cure cui i pazienti possono sottoporsi”.

Share Button