Castellaneta (TA). Pochi anestesisti: rinviati interventi chirurgici. Vico (PD): porterò dossier al Ministro

Nell’ospedale pugliese blocco temporaneo dei ricoveri in chirurgia

A causa della carenza di anestesisti sono state rinviate le attività chirurgiche programmate, con blocco temporaneo dei ricoveri programmati nei reparti di chirurgia generale, ortopedia e ginecologia dell’ospedale civile di Castellaneta.

L’Asl precisa che si è proceduto a una riprogrammazione. Sull’argomento interviene anche il deputato del Pd Ludovico Vico parlando di “cronaca di una morte annunciata”. Il parlamentare sostiene che “dopo una settimana dalla mia visita ispettiva al Presidio ospedaliero occidentale di Castellaneta, dalla quale si evinse che nelle sale operatorie di quell’ospedale di Primo livello si lavorava solo sei ore al giorno a causa della carenza di anestesisti, oggi il direttore medico Michele Lonoce “ha disposto il blocco allertando la direzione medica dei presidi ospedalieri e del 118 al fine di evitare trasferimenti o trasporti di pazienti con caratteristiche di urgenza chirurgica all’ospedale di Castellaneta”.

Vico rammenta inoltre che la struttura “può contare solo su 5 anestesisti, di cui uno in congedo ordinario programmato per ferie estive. Un numero che non consentendo la turnazione, ha imposto al dottor Lonoce, di garantire solo le urgenze/emergenze e l’attività chirurgica ai pazienti attualmente ricoverati presso quell’ospedale. Comincio a maturare l’idea – conclude il parlamentare ionico – che la Regione Puglia, l’Ares e i direttori generali delle Asl pugliesi, non siano più in grado di assicurare il diritto alla tutela della salute sancito dalla Costituzione italiana, ai cittadini e alle cittadine della provincia di Taranto e non solo. Perciò, provvederò al più presto a consegnare alla Ministra della Salute, Beatrice Lorenzin, il dossier che sto completando”.

Share Button