Matera 2019: presentato piano sanitario della ASM, servono 46 milioni. Pittella: lavoreremo in tal senso

Piano ASM 2019Per affrontare gli impegni legati a Matera capitale europea della cultura, nel 2019 – quando i flussi turistici attesi potrebbero attestarsi in 600 mila arrivi all’anno – la Regione Basilicata ha messo a punto un “piano sanitario strategico” che richiede investimenti pari a circa 46 milioni di euro. Lo ha annunciato nel pomeriggio, a Matera, il presidente della Regione, Marcello Pittella, che ha presentato il piano insieme all’assessore alla salute, Flavia Franconi, e al direttore generale dell’Azienda sanitaria materana, Piero Quinto. Le tre parti principali del piano riguardano l’aumento dei flussi turistici (e la crescita dei tempi di permanenza dei visitatori in città fino al 30 per cento), le linee principali di intervento e gli investimenti da realizzare a partire da quest’anno. Dei 46 milioni di euro da spendere, 21 milioni sono per tecnologie e arredi sanitari, 17 per il personale e otto per opere edilizie. Fra gli interventi in programma vi sono la razionalizzazione dei “punti nascita” di Matera e Policoro, l’entrata in funzione di un impianto per la tac a Matera, la messa in sicurezza di un muro di contenimento a valle dell’ospedale e la radioterapia (servono in tal caso quattro milioni di euro). La notevole entità dell’impegno economico richiesto, non potendo essere assicurato dall’azienda con le risorse assegnatele, implica la necessità di accedere a finanziamenti straordinari ed aggiuntivi. Per l’assessore Franconi “è importante fare buona sanità. Tante cose dovremo fare, ha sottolineato, vorremmo farle tutte perché sono significative ma andrà fatta una razionalizzazione per cronoprogramma. Roma per il Giubileo – ha concluso – fa piani speciali e lo faremo anche noi per acquisire le risorse necessarie”. Il presidente Pittella ha recuperato un passaggio sul ruolo dell’informazione nel rispetto dell’autonomia della stessa. In queste ore – ha detto – va recuperata la strada della condivisione, rendendo pratica la solidarietà annunciata e affrontando ciascuno il proprio pezzo. Come garantire accoglienza di qualità e sicurezza a Matera? Tema caldo e delicato – ha aggiunto – per far vivere il territorio come faro dei servizi avanzati e qualitativamente alti. Matera e questo ospedale sanno di dover recuperare qualche anno in cui non sempre tutte le risorse sono state impiegate nella direzione di un traguardo stimolante ma impegnativo al contempo”. ‘La Regione, da sola – ha detto Pittella – non puo’ far fronte a tutti gli investimenti. Quindi avvieremo un’azione sul Governo affinche’ si possano utilizzare fondi del Servizio sanitario nazionale ed europei. Avremo la necessita’ – ha aggiunto – di derogare ad alcuni parametri ma vogliamo raccogliere la sfida che il piano strategico ci lancia: non e’ un libro dei sogni e questa nostra posizione la spiegheremo al Ministeri dell’Economia e della Salute’.

Share Button