Liste di attesa e sanità in Basilicata. Per i sindacati necessario incontro con vertici regionali

Liste di attesa sanitàPOTENZA – Dopo la riunione del 21 luglio, ”convocato dalla Regione su sollecitazione dei sindacati, ci aspettavamo una tempestiva riconvocazione sul tema delle liste d’attesa”, ma ”come troppo lungo continua a essere il tempo di attesa dei cittadini per ottenere alcune prestazioni sanitarie, così le nostre aspettative sono rimaste inevase e le nostre istanze continuano ad essere ‘mere attese”’. Così, in una nota congiunta, i segretari lucani di Cgil, Cisl, e Uil, Alessandro Genovesi, Nino Falotico e Carmine Vaccaro.

Per i sindacati, ”l’abbattimento delle liste di attesa è chiaramente solo un punto di inizio per garantire quella equità e universalità di cui il sistema sanitario pubblico deve essere garante, in quanto luogo privilegiato di incontro tra i bisogni sociali e qualità del lavoro”.

I tre segretari, infine, hanno evidenziato gli ”strumenti immediati” da adottare, tra cui ”nuove assunzioni in base alla legge di stabilità regionale 2014, costituzione di un fondo per le prestazioni straordinarie volontarie , ampliamento dell’orario di apertura dei servizi ambulatoriali e radiologici, formazione, aggiornamento e mobilità professionale”, chiedendo ”al presidente Pittella e all’assessore Franconi una maggiore attenzione e incisività sui temi della salute, dalle liste di attesa ai ticket, all’assistenza sociale”.