Febbre, naso chiuso e dolori, ecco i sintomi della stagionale

Influenza 2011: siamo già nella fasce ascendente del picco, atteso per i prossimi giorni, quando l’influenza metterà a letto, e lo sta già facendo, un buon numero di italiani. A detta degli esperti, non si tratta di una ondata influenzale particolarmente aggressiva o insidiosa. La prima dopo la pandemia della passata stagione, quando l’H1N1, che ha continuato comunque a circolare, mise in allarme i sistemi sanitari di mezzo mondo. Tutto nella norma quindi: basterà mettere in preventivo, una volta contagiati, mediamente, tre o quattro giorni da trascorrere a casa e in assoluto riposo. Tanto quanto basta ad un organismo in buono stato di salute per sconfiggere l’agente patogeno. La febbre legata all’influenza 2011 dura due o tre giorni e poi inizia a scendere, per cui l’intero virus scompare nel giro di una settimana, se non si esce e non si prende freddo. Troppo tardi, per chi non l’ha già fatto nei mesi scorsi, ricorrere ora al vaccino: l’effetto schermante, ad esso legato, non farebbe in tempo ad intercettare l’arrivo del picco influenzale. Quindi, ripetiamo, riposo assoluto e assunzione di antipiretici, se si manifestano febbre alta e dolori articolari e muscolari. Inoltre, bere molto e mangiare liquidi per reintegrare quelli persi a causa della febbre. Gli antibiotici, infine, possono essere utilizzati solo se prescritti dal medico di famiglia.

Share Button