Bari, il procuratore Volpe lancia l’allarme: “Procura depotenziata, difficile la lotta ai clan”

Giuseppe Volpe – procuratore della Repubblica di Bari

La disastrosa situazione logistica della giustizia barese da una parte e l’eccessiva mole di lavoro dall’altra, hanno nel corso degli anni ridotto l’organico dei giudici nel capoluogo pugliese. L’allarme, lanciato dal procuratore Giuseppe Volpe, arriva all’indomani di un’altra importante indagine della Procura, che ha portato all’arresto di esponenti della mafia garganica, che nell’ultimo periodo ha compiuto un importante salto di qualità, acquisendo un carattere transnazionale. Infatti, cinque sono le indagini condotte dalla Dda di Bari in altrettanti Paesi esteri. Il Consiglio Superiore della Magistratura dal canto suo ritiene che non si debba squilibrare il rapporto tra pm e giudici e quindi anziché potenziare i giudicanti, depotenzia gli inquirenti”, con conseguenti sproporzioni che portano ad un inevitabile ritardo delle indagini.

Share Button