- trmtv - https://www.trmtv.it/home -

Concorso infermieri Puglia, Usppi: “Sciopero a settembre”

Saranno 1.500 gli infermieri precari che scenderanno in piazza il 24 settembre, dinanzi alla presidenza della Giunta Regionale e il 25 dinanzi alla direzione generale della Asl di Bari, per chiedere con forza la stabilizzazione di tutti i precari della Asl della Puglia.

Lo ha reso noto il segretario nazionale del sindacato autonomo Usppi, Nicola Brescia, chiamando allo sciopero e denunciando con Usppi Puglia il rischio di “una guerra tra poveri” con “il concorso per 1.000 infermieri che Michele Emiliano, presidente della Puglia, vuol far bandire entro dicembre 2019”.

“Emiliano – prosegue l’Usppi – ha chiarito che si tratterà di un concorso con il 50% dei posti riservati alla mobilità intra ed extraregionale, con un’unica graduatoria, valida per tutte le Asl pugliesi”, con “oltre 10mila partecipanti”, forse anche “18mila”, e “la cosa preoccupa non poco gli infermieri precari e già in attività, con contratto a tempo determinato, che non hanno maturato i 36 mesi di servizio nel 2017, requisito necessario per godere della stabilizzazione e che per questo, sono stati già esclusi dalla prima tranche di assunzioni a tempo indeterminato”. Per Brescia “occorre studiare” come riconoscere i diritti degli infermieri precari magari già da 2 anni (o da 3 anni maturati dopo il 2017), altrimenti questi “saranno costretti a fare il concorso, correndo il rischio di rimanere fuori”, cosa “già successa nel concorsone di Bari nel 2016”.Insomma, un solo concorso per mille assunzioni non basta: “A mio parere – sottolinea Brescia – le Asl dopo anni di blocco delle assunzioni, devono espletare le selezioni pubbliche. Occorre un ricambio generazionale e un concorso per 1.000 infermieri non può essere sufficiente”.

 

Share Button