- trmtv - https://www.trmtv.it/home -

Regione Puglia, sui rifiuti tutti all’attacco di Stea. La replica: “Mai nessuno come noi, è colpa dei Comuni se il piano non è ancora partito”

Polemiche da parte del centrodestra e dei Cinque Stelle

Gianni Stea – assessore ambiente Regione Puglia

A vederla bene è una vicenda infinita, che dura da almeno 10 anni. Ma la questione dei rifiuti torna periodicamente a infiammare la politica regionale, spesso in conseguenza del lavoro della Magistratura. Le discariche pubbliche in questi anni sono state praticamente tutte messe sotto sequestro, ma il varo della differenziata in molte aree della Puglia sembrava aver alleggerito il problema. Adesso però nel mirino delle Procure sono finiti anche gli impianti di trattamento delle frazioni umide, con l’Aseco di Ginosa chiusa per irregolarità a metà aprile. Un provvedimento che ha reso vane le trattative dell’assessorato all’Ambiente della Regione che da mesi stava cercando una quadra per abbassare le tariffe di conferimento, costringendo l’amministrazione a cercare soluzioni di emergenza anche fuori regione. Una situazione che ha fatto esplodere di nuovo la polemica contro l’assessore Gianni Stea e Gianfranco Grandaliano, presidente dell’Ager, l’agenzia regionale per i rifiuti, rei secondo le opposizioni di non aver programmato decentemente la chiusura del ciclo dei rifiuti. A partire da Ignazio Zullo, capogruppo di DiT, che ha criticato apertamente i due, e dai consiglieri regionali di centrodestra Congedo e Manca che da Galatone denunciano “impianti al collasso e un quadro di emergenza totale”. Ancora più espliciti i consiglieri regionali del Movimento Cinque Stelle per i quali l’Ager si starebbe dimostrando “totalmente fallimentare, e del piano rifiuti non c’è traccia”. Accuse alle quali l’assessore Stea replica con l’annuncio della validazione del progetto dell’impianto di compostaggio di Pulsano e con la notizia che il tanto atteso Piano di gestione dei rifiuti sarebbe pronto e in attesa solo dei pareri dei Comuni interessati. E questa sì che sarebbe davvero una notizia.

 

Share Button