Dall’11 marzo nella nuova sede del Consiglio della Regione Puglia verrà allestita una mostra dedicata ad Aldo Moro

Moro vive attraverso le azioni del presente e attraverso il racconto del passato. Un impegno, quello di ricordare lo statista di Maglie, che non si ferma e che utilizza linguaggi, classici e moderni, per farlo. L’ultimo, attraverso una mostra delle pagine ingiallite de “La Gazzetta del mezzogiorno” che raccontano i 55 giorni di prigionia dell’Onorevole Moro che verrà allestita, a partire dall’11 marzo, nell’agorà della nuoca sede del consiglio Regionale della Puglia. Il nuovo palazzo di vetro e specchi farà luce su un’aspetto importante di quei 55 giorni: il racconto giornalistico de “La Gazzetta del Mezzogiorno”, sottolinea come l’impegno della stampa gioca un ruolo fondamentale nella ricostituzione di fatti perchè testimone oculare di quello che è stato.