Pd, Emiliano non si pronuncia sui candidati: “Prima i programmi”

Saranno le intenzioni, o meglio i programmi, di ciascun candidato alla segreteria del Partito democratico a determinare le preferenze del governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano. “Non faccio ancora nessun nome – ha dichiarato a margine dell’assemblea di Nereus, la rete delle regioni che usano tecnologie spaziali – Sto attendendo che dicano, al di là dei nomi e dei cognomi, di cosa si vogliono occupare i candidati. Nessuno si sta caratterizzando per specifiche proposte programmatiche”.

“Penso che i candidati avranno tempo di esprimersi sui programmi, che per me sono molto importanti”, ha aggiunto Emiliano. In particolare attende di conoscere gli orientamenti riguardo determinati temi, quali ambiente, Ilva, Tap, decarbonizzazione, gestione della povertà, un’idea della scuola e della formazione pubblica più aperta a chi non ha possibilità, e una spinta al processo di unità europea senza atteggiamenti di pura difesa dell’esistente”. Non si sbilancia per ora, dunque, il presidente pugliese, ma ribadisce i temi di interesse: promuove la Puglia, al convegno di Bruxelles, in tema di utilizzo di energie rinnovabili, denunciando ancora una volta l’uso eccessivo di carbone e rilanciando l’impiego del gas naturale. Una battaglia di Emiliano, la decarbonizzazione dell’ex Ilva. Nei giorni scorsi, a Taranto, la proposta della Regione alla commissione europea di finanziarne i processi.

Share Button