Ilva, Di Maio: “Se gara é fatta male rischi per salute, ambiente e lavoro”

“Non mi sembra che la gara sia stata fatta proprio a regola d’arte. Ma deciderà la legge se si deve annullare”: il ministro Di Maio spiega la decisione di avviare la procedura di accertamento per l’eventuale annullamento, in autotutela, della gara con cui l’Ilva sarà ceduta ad Arcelor Mittal.

“Sul piano ambientale qualche passo in avanti, mentre il piano occupazione non è ancora sufficiente”: così Di Maio sulla nuova offerta formulata dalla multinazionale Arcelor Mittal per l’Ilva, sono trascorsi sei anni esatti dal sequestro giudiziario degli impianti per disastro ambientale; continua la perdita di circa trenta milioni al mese; restano col fiato sospeso i tarantini, gli operai diretti e dell’indotto, le istituzioni locali, il mondo dell’imprenditoria.

In attesa anche Mittal che intanto ha accettato le condizioni poste dal governo sul risanamento ambientale e sul piano occupazionale.

Share Button