Emiliano, ora politica industria, Governo diceva roba vecchia. Ilva, non mi invitano a riunioni, Cgil interceda per me

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, alle Giornate del Lavoro della Cgil rilancia le parole del sindacalista Maurizio Landini sottolineando  l’invito al Governo perche’ metta in campo una incisiva politica industriale. ‘Quando faccio la spalla a Maurizio Landini faccio molto meno fatica. Quando lo ascolto finisco per condividere al 100% quello che dice. Siamo amici, spesso ci sentiamo per commentare le cose
che succedono’, dice accanto a Landini sul palco di una delle tante iniziative della Cgil a Lecce. ‘Spero sia cambiata’, dice ancora Emiliano, la posizione del Governo sul ruolo che deve svolgere l’Esecutivo per l’industria: ‘Una politica industriale? una volta il ministro Carlo Calenda
mi disse: e’ roba vecchia, adesso c’e’ il mercato. Credo che questa idea oggi se la sia rimangiata ma ci sar qualche registrazione di questa conversazione che mi fece restare male’. Sul caso Ilva, sottolinea Emiliano, ‘a Taranto stiamo facendo una battaglia di civilta’ ma anche di modernizzazione dell’apparato industriale’. E, rivolgendosi al sindacato, scherza: ‘Chiedo alla Cgil se puo’ intercedere per me, per farmi
invitare alle riunioni. Non sono invitato alle riunioni sull’Ilva perche’ non e’ considerata una questione anche regionale. Non capisco perche’ il presidente regionale non possa partecipare a queste riunioni. Anzi, forse lo so benissimo… ‘. Una battuta anche con il parlamentare e industriale Alberto Bombassei (Brembo), anche lui sul palco del dibattito a Lecce: ‘Se sono ancora qui un po’ e’ per i carabinieri che mi hanno
scortato per tutta la vita, un po’ e’ per i freni Brembo della mia Moto Guzzi California degli anni ’80’.

 

Share Button