Verri Direttore del Dipartimento Turismo della Regione Puglia, attesa la nomina ufficiale

Paolo Verri, direttore comitato Matera 2019

Paolo Verri, direttore comitato Matera 2019

Matera. E’ attesa per domani la nomina ufficiale dei nuovi direttori di Dipartimento durante la seduta della giunta pugliese guidata dal governatore Michele Emiliano. A poche ore, però, dalla formalizzazione, si cercano ancora conferme soprattutto per il manager indicato alla guida del Dipartimento Turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio, Paolo Verri – direttore della Fondazione Matera – Basilicata 2019.C’è chi, invece, parla già di operatività: il presidente Emiliano ha fissato, infatti, per martedì un incontro con il neo Commissario di Pugliapromozione Grassi, con l’assessore Capone e lo stesso Verri per dar vita ad uno specifico coordinamento operativo per la programmazione e la gestione delle attività del comparto turistico e culturale.Contestualmente a fronte di una petizione popolare partita ieri dal web e con oltre 1000 firme perché Matera-Basilicata 2019 continui ad essere il luogo di innovazione, promozione, coordinamento fra istituzioni, associazioni culturali e comunità e perché Paolo Verri resti il garante di questo processo, il direttore – contattato anche dalla nostra redazione per esprimersi riguardo la nomina annunciata sul sito della Regione Puglia , ha commentato sul suo profilo Facebook quanto sta accadendo in queste ore scrivendo in conclusione  : “Ovunque sarò nei prossimi mesi o anni mi batterò per quel progetto, fatto di parole chiave vere e non solo da usare come parafulmini, concetti che richiedono impegno e duro lavoro. Grazie a tutti quelli che consentiranno a questo progetto, “Open Future” di compiersi, per rispetto delle altre città che hanno partecipato alla gara, della commissione che ci ha giudicato, e di noi stessi”.

C’è chi, infine, ipotizza un doppio incarico per il manager torinese – sulla panchina di Matera 2019 e della Regione Puglia; seppur questa si prospetterebbe come una situazione oggettivamente complessa (se non inopportuna) vista la serrata tabella di marcia, come ricordato anche nel corso del recente incontro a Bruxelles, e la delicatezza e significatività del percorso a venire nei prossimi anni.

Gli sviluppi saranno sicuramente più chiari entro domani mattina.

 

Share Button