A Matera il Belvedere è terra di nessuno

Matera – Un ennesimo episodio vandalico si è consumato la sera del 25 ottobre, sul Piazzale del Belvedere Materano. Ignoti hanno fatto esplodere una delle classiche campane, di colore verde, adibite alla raccolta del vetro deturpando, così, il decoro del principale punto d’approdo al Parco della Murgia materana. Pierfrancesco Pellecchia, Presidente dell’Ente a tutela dell’area, ha voluto, giovedì pomeriggio, con una conferenza stampa, rimarcare la scelleratezza dell’atto a poco meno di un mese dall’iniziativa ‘Puliamo il mondo’ che “con tutta evidenza – dice – non è servita a sensibilizzare la popolazione”. Nel corso dell’incontro, tenutosi proprio sul piazzale, il presidente ha lanciato alcune proposte atte a comprendere quale sia il grado di attaccamento della comunità materana al Parco o se ci sono, da parte dei cittadini, proposte per valorizzarlo e tutelarlo al meglio; nella fattispecie – ha detto – “potrebbe rispondere a queste esigenze un questionario da sottoporre ai materani”. Tra le azioni che, invece, Pellecchia vorrebbe  mettere in campo da subito: quella dell’installazione di alcune web cam sullo spiazzo principale e sulle strade che ad esso conducono, disponibilità finanziarie permettendo. Poi, il presidente, ha anche rilasciato qualche dichiarazione sulle altre problematiche che affliggono l’area come, per esempio, sulla questione dell’inquinamento del torrente Gravina. “Attendiamo notizie dal fronte pugliese – ha affermato. Sono settimane, che in maniera serrata, segnaliamo all’assessore Amati la rottura del depuratore altamurano. Nel contempo, ha espresso apprezzamento sul protocollo Italcementi in virtù del quale la cementeria – dice – “dovrebbe monitorare a sue spese , esattamente, con 500 mila euro, le sue emissioni inquinanti nell’area tutelata”; infine – ha sottolineato – “che proseguono i lavori di ripristino delle condotte idriche di via Casalnuovo e via D’Addozio che, nei mesi scorsi, hanno sversato acque nere e bianche nel canyon materano.

Share Button