Autonomia differenziata. Bardi replica al centrosinistra

“E’ una posizione precisa ed è quella di tutti i lucani, non siamo contro l’autonomia differenziata ma dev’essere equivalente per tutte le Regioni italiane.” Replica a TRM Network il governatore lucano, Vito Bardi, incalzato dalle opposizioni di centrosinistra in consiglio regionale rispetto al silenzio della maggioranza di centrodestra sul tema autonoma differenziata.
Dal Parlamento, Bardi attende l’esito del confronto politico intavolato dal governo Conte e auspica un fronte comune dei governatori del sud. “Bisogna difendere i lucani – ha sottolineato – che già da tempo sono stati penalizzati. Le nostre risorse non sono sufficienti per far fronte ai servizi essenziali come la spesa sanitaria.”
Intanto, dopo la bocciatura della mozione presentata in Consiglio regionale, il membro Avanti Basilicata, Luica Braia, l’ex governatore Marcello Pittella e il gruppo Comunità Democratiche con Roberto Cifarelli e Mario Polese, hanno incontrato i sindaci lucani per rivendicare una posizione chiara sul ruolo della Basilicata rispetto al “disastro – è emerso – dell’autonomia a vantaggio del nord e discapito del sud. Quel 35% di gettito lombardo e veneto – hanno dichiarato – andrà via dal bilancio dello Stato. E’ una cosa politicamente inaccettabile.” Rimarcata, inoltre, la necessità di assicurare costi standard sui servizi essenziali per tutti i territori.
https://youtu.be/fd7hxYv6N3g
Share Button