Sanità lucana. Pittella in attesa dell’esito del ricorso in Cassazione

E’ atteso per oggi l’esito del ricorso depositato la scorsa estate alla Corte di Cassazione, dai legali del presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, sospeso dalle sue funzioni per la legge Severino perché colpito da misure cautelative dal 6 luglio nell’ambito di una inchiesta della Procura di Matera sulle nomine e concorsi truccati nella sanità lucana.

Il collegio difensivo del presidente Pittella, composto dai due legali Donatello Cimadomo e Franco Coppi, quest’ultimo considerato tra i migliori cassazionisti italiani, attenderà la decisione del tribunale romano dopo le motivazioni del Riesame che si era espresso respingendo la richiesta di remissione in libertà, motivata dai rischi di inquinamento probatorio e reiterazione del reato.

La decisione attesa dalla Cassazione, in caso di esito favorevole per Pittella, e quindi con una riabilitazione del presidente avrebbe certamente ripercussioni anche sulle decisioni politiche – ancora tutte da prendere – nell’ambito del PD e del centrosinistra in vista delle elezioni regionali. Dal momento che almeno ufficialmente, il dibattito sul futuro della coalizione e delle candidature non è ancora partito.

Prima della decisione sulla data del voto indetta infatti al prossimo 26 maggio dalla vicepresidente di Giunta, Flavia Franconi, il Partito Democratico avrebbe dovuto riunirsi in assemblea (il 16 novembre), poi rinviata a data da destinarsi.

Share Button