Camusso a Bari: “Minniti applichi la legge, nessun partito di ispirazione fascista alle prossime elezioni”

Il segretario della CGIL ha deposto due corone d’alloro sotto le lapidi dedicate a Giuseppe di Vittorio e Benedetto Petrone

Il rischio di rigurgiti neofascisti e neonazisti è concreto, per questo il ministro dell’Interno Marco Minniti deve applicare le leggi esistenti e se necessario escludere dalle elezioni del 4 marzo i partiti che si ispirano a tali ideologie. Il segretario della Cgil Susanna Camusso prende spunto dalle polemiche nate a Bari per il comitato elettorale di Fratelli d’Italia aperto proprio sotto la targa della strada intitolata a Benedetto Petrone, ucciso dai neofascisti a Bari nel 1977, per ribadire la sua preoccupazione per il dilagare di idee razziste e xenofobe.

Share Button