Lacorazza a Matera: “Valuteremo candidatura al congresso di Novembre, se ci sarà”

Per la strategia di comunicazione politica, viene chiamato “Riscatto”, ma sono dei veri momenti di dibattito e confronto promossi da “Fronte Democratico”, l’ala di minoranza del Partito Democratico che anche in Basilicata è dall’estate appena trascorsa che ha iniziato a centellinare il territorio lucano, per incontrare la popolazione su varie tematiche: dalla salute all’ambiente, dal lavoro al turismo; e che alla fine servono anche per tastare il peso politico di una fetta del partito democratico e che inizia a mettere sul piano di lavoro, il proprio punto di vista sulle tematiche di più stretta attualità. Nell’ultimo incontro, svoltosi a Matera il 26 Settembre presso il cinema Piccolo, il dibattito ha riguardato l’Università. “Occorre verificare – ha detto il consigliere regionale Piero Lacorazza- l’applicazione delle norme contenute nel decreto Mezzogiorno che potrebbero migliorare le cose o ridurre il danno e ancora una volta sollecitiamo il sottosegretario al Miur Vito De Filippo di fare ogni sforzo che produca risultati migliori per il nostro ateneo. Quasi tutte le risorse (quota del Fondo di finanziamento ordinario più le tasse degli studenti) sono utilizzate per pagare gli stipendi e solo grazie al contributo annuale di 10 milioni di euro della Regione l’università lucana sopravvive. È quindi in gioco la sopravvivenza di un ateneo che oltre alle sue missioni principali rappresenta anche un freno ad un’ulteriore emigrazione e un indotto economico significativo.“In questi anni – ha aggiunto Lacorazza – anche nella firma dell’accordo attuativo triennale e nei pagamenti, la Regione ha mostrato notevoli ritardi; ciò non può ripetersi nel tempo. Da tempo siamo impegnati su questo tema che abbiamo portato più volte in Consiglio regionale formulando anche proposte come la mozione approvata nell’agosto dello scorso anno. Riproponiamo la necessità di due conferenze cittadine, a Potenza e Matera, per fare il punto tra contesto territoriale e ateneo, dando spazio e protagonismo alla rappresentanza studentesca e chiamando a responsabilità la Regione su tutti i temi che direttamente può e deve affrontare: dalle sedi ai trasporti, dai servizi al diritto allo studio, ai costi delle abitazioni, alla fruibilità culturale e sportiva e alle altre questioni che riguardano la vita dell’ateneo”.E in vista del prossimo congresso regionale del PD, in programma a Novembre, e su una sua possibile candidatura a segretario , Piero Lacorazza “valuterà”, quando “la piscina sarà piena d’acqua”, o meglio, quando sarà ufficializzato il congresso regionale.Prossima tappa per il tour “riscatto”, Oppido lucano, il prossimo 28 Settembre sul tema delle infrastrutture e a Bari il 30 per “Divenire”, l’appuntamento nazionale di Fronte Democratico verso la conferenza programmatica del Partito Democratico.

Share Button