E’ tornato a riunirsi il Consiglio Comunale di Matera

Giuliano Paterino – lista Insieme (subentrato a Nicola Trombetta)

Nella sala consiliare della Provincia, è tornato a riunirsi il Consiglio Comunale di Matera. In apertura il subentro di Giuliano Paterino, lista civica Insieme, e la convalida alla carica di consigliere comunale, ai sensi dell’art.64, comma 2, del Decreto Legislativo 267/2000; l’ingegnere materano, alla sua prima esperienza nella massima assise comunale, subentra a Nicola Trombetta, diventato nel frattempo assessore.

Quindi, come già noto, la presa d’atto delle dimissioni del consigliere comunale di Matera Capitale Saverio Vizziello, che tornerà nel prossimo mese di settembre a dirigere il Conservatorio Duni Di Matera, e la surroga del Consigliere Michele Paterino, forte già della esperienza quinquennale nella precedente consiliatura.

A seguire le comunicazioni del sindaco De Ruggieri sulla composizione della nuova Giunta. “Ho allargato

Michele Paterino (Matera Capitale) subentrato a Saverio Vizziello

la maggioranza – ha detto – per dare più potere alla città. Questo il senso del governo di unita’ municipale”. “Era necessario esprimere una forza d’urto maggiore nei confronti della Regione e del Governo nazionale”.

“Matera – ha rimarcato inoltre, riprendendo le parole utilizzate nella città dei Sassi dall’ex premier Enrico Letta – è portavoce di un futuro di speranza e, guardando al 2019, non può essere solo porta di ingresso ma anche di uscita: deve trasferire i propri valori all’estero”. L’annuncio da parte del primo cittadino inoltre della presenza il prossimo 6 luglio a Matera del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio: “alle 18:30 nell’auditorium Gervasio, ha aggiunto De Ruggieri, saranno presentate al ministro le cambiali ancora non pagate del Governo in tema di accessibilità”.

“Il 17 luglio alle 11 sarà invece a Matera il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per incontrare la città e per ridisegnare missioni, azioni e progetti”. Dopo l’intervento del primo cittadino, hanno preso la parola i vari esponenti del Consiglio Comunale, dal capogruppo Pd Adduce, che ha parlato di scelta condivisa per salvare Matera 2019, al pentastellato Materdomini, il quale, nel sottolineare che è stata sovvertita la volontà popolare, ha rimarcato che il movimento 5 Stelle non è contro la città ma anzi si augura che arrivi pronta al 2019.

Altri gli interventi, alcuni anche piuttosto critici come quello di Angelo Cotugno, poi la chiusura nuovamente affidata al Sindaco: “Sarà la storia – ha detto – a stabilire chi ha ragione o chi ha torto”. Per il prossimo consiglio comunale, prima convocazione il 7 luglio.

Share Button