Comune di Matera, venerdì il sindaco de Ruggieri presenta la nuova giunta

De Ruggieri presenta la nuova giunta a mezzogiorno, anticipato da una conferenza stampa indetta alle 10.30 dal segretario cittadino del PD di Matera, Muscaridola. Il consigliere Scarola, si dissocia dal centro-sinistra e dal gruppo PD. M5S parla di “inciucio”, Manicone (Osiamo) ostile all’accordo con l’opposizione per un nuovo governo.

“Domani, 23 giugno alle ore 12.00 in Sala Mandela, il sindaco Raffaello de Ruggieri presenterà la nuova giunta comunale”.

Ancora 24 ore di tempo per conoscere il nuovo corpo assessorile che avrà il compito di preparare al meglio la città in vista dell’appuntamento con il 2019, data che porterà alla massima ribalta Matera quale capitale europea della cultura.

La breve comunicazione, segue a distanza di un giorno, quella sulle dimissioni degli attuali assessori  al termine dell’ultima riunione di giunta.

In mattinata, alla comunicazione del Comune, segue una nota del segretario cittadino del PD, Cosimo Muscaridola che invita i giornalisti (alle ore 10,30 di venerdì presso l’Hotel San Domenico in Via Roma a Matera), anche a nome dell’API, per ragguagliare la stampa sulla “definizione della crisi politica del Comune di Matera e sull’attività di rilancio dell’azione amministrativa”.

Fuori dal coro del centrosinistra, si leva la voce di Giovanni Scarola, consigliere eletto nelle liste del PD, il quale in una breve dichiarazione inviata alla testata telematica Sassi Live scrive “In considerazione della situazione politica comunale venutasi a creare dopo l’approvazione del bilancio di previsione 2017 e tenuto conto dell’appello alla responsabilità del Sindaco in consiglio comunale e della posizione assunta dal gruppo del centro sinistra, dichiaro il pieno sostegno al Sindaco dissociando la mia posizione da qualunque schieramento politico, dal centrosinistra e dal Partito Democratico”.

Tra le voci contrarie alla nascita di un nuovo governo con il contributo delle forze di minoranza, si registrano quelle del portavoce M5S in consiglio, Antonio Materdomini (“L’inciucio è servito, il Pd torna al governo della città – convintamente a braccetto con quelli che, oggi, possono ben definirsi finta alternativa – ribaltando così la volontà dei cittadini materani”) e di uno degli esponenti della maggioranza, Paolo Manicone (Osiamo) che si interroga sul “declino della democrazia” e scrive: “Quello che passerà alla storia sarà la cancellazione dell’Opposizione e quindi della Forza della Democrazia”.

I nove assessori che saranno presentati alla città dovranno subito mettersi (o rimettersi) al lavoro perchè l’agenda degli impegni amministrativi è fitta, a partire dall’importante appuntamento di sabato mattina, con il sindaco de Ruggieri che siglerà un accordo coi rappresentanti della “Sezione Sviluppo Economico e Cultura della città di Toronto” con l’obiettivo di promuovere scambi culturali e cooperare con la città dei Sassi per il commercio, l’economia, il cinema, la cultura, l’istruzione e lo sport.

Share Button